Fakoshima, tra futuro e mistero